CORTINAMETRAGGIO QUARTA GIORNATA

0
23

CORTINAMETRAGGIO: LARGO ALLA GIURIA MEDUSA CON L’ARRIVO DI CRISTIANA CAPOTONDI, PAOLO GENOVESE E NICOLA GUAGLIANONE.

PER GLI OSPITI MUSICALI YUMAN E MARIANNE MIRAGE. IN ARRIVO ANCHE ANDREA BOSCA E ARIELLA REGGIO.

JENNY DE NUCCI PRESENTA IL SUO LIBRO “GIRLS, SIAMO TUTTE REGINE”. DANIELE LUCHETTI AL VIA CON LA PRIMA PARTE DEL SUO WORKSHOP

A Cortinametraggio giovedì 21 marzo arrivano per la giuria del Premio Medusa l’attrice Cristiana Capotondi, il regista Paolo Genovese e lo sceneggiatore Nicola Guaglianone. Si arricchisce anche il parterre musicale del Festival con l’arrivo di Yuman, il cantautore Edoardo De Angelis e Marianne Mirage. Tra gli ospiti in arrivo anche Andrea Bosca, Ariello Reggio e Pilar Fogliati.

Dalle 10.00 alle 17.00 al Grand Hotel Savoia appuntamento con Daniele Luchetti e il suo workshop di recitazione e regia “Dirigere gli attori” in collaborazione con il CSC. Utilizzando una selezione di scene proposte dai partecipanti stessi, Daniele Luchetti lavorerà con gli attori e i registi, suggerendo diverse soluzioni interpretative al fine di raggiungere una performance originale, coerente con il personaggio e che metta in evidenza le qualità dell’attore coinvolto.

Alle 16.00 alla Cooperativa di Cortina la webstar Jenny De Nucci presenta il suo libro “Girls, siamo tutte regine” edito da De Agostini. Un po’ autobiografia, un po’ fiction, il romanzo racconta la vita di Alma, che non è così idilliaca come potrebbe sembrare. Se su Instagram i fan la cercano e le chiedono migliaia di consigli, nella realtà quotidiana, i genitori sono preoccupati per il suo rendimento scolastico, Romeo, il ragazzo che le piace, si comporta in modo ambiguo, e le amiche non sempre la capiscono. Tra litigi e incomprensioni, quando sembra che tutto per Alma stia andando a rotoli, improvvisamente le cose prendono una piega anche peggiore. In una sola notte le migliaia di follower del suo profilo Instagram scompaiono. Al loro posto restano pochi e strani nickname: Cleopatra, Evita Perón, Nadia Comăneci. Alma clicca sui bizzarri profili e si trova magicamente catapultata nelle vite di queste donne, che, scoprirà, in epoche diverse hanno fatto la storia, ognuna con qualcosa di importante da insegnarle. Una storia tutta al femminile che insegna alle ragazze a credere in se stesse e a inseguire i propri sogni.

A partire dalle 18.30 continuano i cortometraggi, i videoclip musicali e gli eventi speciali al Cinema Eden. Il perdono di Marcello Cotugno è un corto dell’inaspettato epilogo di una rapina.  A mezzanotte di Alessio Lauria è incentrato su un giovane Kamikaze. Nel cast Guglielmo Favilla, Valeria Bilello e Mohamed Zouaoui. Esercizio Carote di Alessandro Grespan racconta, invece, quell’odioso momento in cui scopri di essere solamente un personaggio in un cortometraggio. Di tutt’altro registro è Pepitas di Alessandro Sampaoli. Andrea nonostante abbia superato i trent’anni, vive ancora in casa con la mamma e la nonna ipovedente. Andrea fa la drag queen ma la nonna forse non lo sa. Nel cast Lino Guanciale, Ariella Reggio (ospite del Festival), Ulisse Romanò, Lorenzo Piccolo.

Per i Videoclip Mainstream Sparare alla Luna è la nuova canzone di Salmo. Il pezzo del rapper sardo, estratto dall’ultimo album “Playlist” del 2018, è scritto con Coez. Parla di droga, sparatorie, narcotrafficanti, fame di cielo e, soprattutto, paura. Il video è co-prodotto da Netflix, è infatti girato sul set messicano della serie “Narcos: Messico” con la partecipazione di alcuni attori del cast nei panni di loro stessi. Per gli Underground Fumare è la canzone dei Ministri non inclusa nell’ultimo album della band alternative rock milanese, Fidatevi, rilasciato nel marzo scorso. Il videoclip è diretto da Marcello Calvesi e si tratta di un playback in slow-motion, un videoclip tutto in bianco e nero nonché un piccolo omaggio al cinema noir.

Si torna al Mainstream con 102 (acoustic) di The 1975 (Matty Healy) diretto da Giorgio Testi, regista italiano dall’animo internazionale che ha lavorato con Rolling Stones, Blur, The Killers, Oasis, White Stripes, Amy Winehouse, Nile Rodgers e molti altri. Si tratta di un intimo piano sequenza girato in 35mm e registrato live in presa diretta. I The 1975 sono un gruppo musicale indie rock britannico formatosi nel 2002 a Manchester nonché uno dei progetti musicali più importanti al mondo. Di nuovo Underground è Devo dirty di Luca il nuovo video dei Lapingra, diretto da Alberto Viavattene, già l’anno scorso al Festival, è un assaggio delle nuove sfumature sonore del duo romano, più minimali rispetto al passato e in equilibrio tra la grande tradizione dei cantautori italiani e il sound americano e britannico di band come gli Smiths e i Cure. Il video, diretto e realizzato da Viavattene, racconta gli eccessi e i ricordi delle due protagoniste, tra incroci pericolosi e attimi portati all’estremo che determinano un epilogo inaspettato. Ancora Mainstream è Cara Italia di Ghali è un brano scritto e interpretato dal rapper italo tunisino Ghali Amdouni, in arte Ghali, un vero fenomeno che spopola sui social. Il brano pubblicato come singolo, è una canzone che nasce da un jingle per lo spot Vodafone Shake Remix ed è diretto da Iacopo Carapelli. Una girandola di bambini da tutto il mondo, etnie e culture diverse, ma la stessa indifferenza dei genitori. La soluzione? Ovviamente la musica, o meglio il viaggio musicale di Ghali alla ricerca di uguaglianza e amore. Per gli Underground Sinno me moro è il nuovo singolo di Noyz Narcos tratto da “Enemy“, il nuovissimo disco del rapper romano diretto da Francesco Lettieri che riscrive tutte le regole del videoclip musicale non disdegnando il bianco e nero, rimandi al neorealismo, a Pasolini, Kusturica, una visione onirica, il fare rap mantenendosi fedeli al proprio pensiero. Nel video è presente anche Alice Pagani, della serie Nefflix “Baby”.

Sempre al Cinema Eden, un incontro dedicato a Barbara Bouchet, ospite d’onore della XIV edizione, precederà la proiezione del film serale Saremo giovani e bellissimi intorno alle 20.00.

Per la vetrina dei Branded Entertainment saranno presentati Alchimia Mediterranea diretto da Francesco Boi e Giovanni Stella per I Santi di Diso con protagonista Altair, uomo di origine caucasica-meditteranea in una città dai toni distopici ma che ricorda, in un frutteto, il suo passato tra i vicoli di un paese salentino. In Dolomia  realizzato da Giovanni Esposito la bellezza è un elemento naturale in ogni donna, valorizzato dal proprio carattere e dai prodotti della linea Dolomia make-up. Due mesi e mezzo diretto da Giuseppe Cardaci per Ciak vede nel cast Anna Ferzetti, ospite di Cortinametraggio in qualità di giurata per la Colonna Sonora. Il cuore di Silvia soffre ancora per Stefano, riapparso nella sua vita all’improvviso dopo essere sparito per mesi. seguendo il consiglio della sua migliore amica, la fiera Marta, Silvia concede all’uomo un ultimo appuntamento che però si trasforma in un susseguirsi di visioni cinematografiche. da un duello western alle atmosfere cupe di un noir, passando per un serrato confronto in stile Kill Bill. L’arrivo di Paolo Genovese coincide con la proiezione di La felicità non è una truffa, da lui diretto per Coop. Una storia sospesa tra realtà e magia, un incontro tra un ragazzo, Marco, calato nella realtà di tutti i giorni e Anna, pura, buffa, fuori dagli schemi che“vive” in una vetrina. una notte lascia i panni del manichino e prende vita. Nel cast Matteo Branciamore, Chiara Vinci, Luca Angeletti. Chiuderà la giornata l’opera prima di Letizia Lamartire, Saremo giovani e bellissimi presentata a Venezia alla Settimana della Critica.

Da quest’anno inoltre il Festival celebra la suggestiva cornice che da 14 anni ospita il festival grazie al progetto “Proiezione Futuro” in collaborazione con Rai Cinema Channel e West 46th Films. Il progetto si svolgerà in collaborazione con la Cooperativa di Cortina dove il pubblico dalle 16.30 alle 18.00 potrà visionare i corti di Rai Cinema Channel e della West 46th Films realizzati mediante innovativi sistemi di ripresa in soggettiva a 360° e riprese aeree. Il pubblico attraverso l’uso dei visori potrà immergersi nei meravigliosi paesaggi di Cortina D’Ampezzo e viverli in prima persona, godendosi così un’esperienza unica attraverso le immagini realizzate da Alessandro Parrello. Il tutto sarà possibile grazie all’apporto tecnico di West 46th Films, società specializzata in realtà virtuale 3D e nel video mapping 3D, a testimoniare l’attenzione di Cortinametraggio verso le ultime tecnologie.

Tra i Partners istituzionali della XIV edizione di Cortinametraggio il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, SNGCI, RAI, Nuovo IMAIE. Il Festival ha il Patrocinio del MiBAC – Ministero pe i Beni e le Attività Culturali, della Regione del Veneto, della Provincia di Belluno, del Comune di Cortina d’Ampezzo, il supporto di Cortina Marketing Se.Am., con loro la Rete Eventi Cultura, l’Anec, la Fice, il CSCCentro Sperimentale di Cinematografia.

Main sponsor del festival Medusa Film, Vision Distribution, Universal Music Publishing Group, Audi, Dolomia, Farecantine, I Santi di Diso. Main Media Partner Radio Montecarlo, Vanity Fair, Ciak. Main sponsor hospitality Grand Hotel Savoia di Cortina D’Ampezzo, Hotel de La Poste. Gold sponsor Trieste Caffè, Levi’s, Riva, Italo, Franz Kraler, Mia Bag, Theresianer, Pariniassociati, Art Handlers, L’Oréal.

Ufficio Stampa – Storyfinders – Lionella Bianca Fiorillo – press.agency@storyfinders.it +39.340.7364203 – 06.36006880

Scarica qui il comunicato

LEAVE A REPLY

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.